link1314 link1315 link1316 link1317 link1318 link1319 link1320 link1321 link1322 link1323 link1324 link1325 link1326 link1327 link1328 link1329 link1330 link1331 link1332 link1333 link1334 link1335 link1336 link1337 link1338 link1339 link1340 link1341 link1342 link1343 link1344 link1345 link1346 link1347 link1348 link1349 link1350 link1351 link1352 link1353 link1354 link1355 link1356 link1357 link1358 link1359 link1360 link1361 link1362 link1363 link1364 link1365 link1366 link1367 link1368 link1369 link1370 link1371 link1372 link1373 link1374 link1375 link1376 link1377 link1378 link1379 link1380 link1381 link1382 link1383 link1384 link1385 link1386 link1387 link1388 link1389 link1390 link1391 link1392 link1393 link1394 link1395 link1396 link1397 link1398 link1399 link1400 link1401 link1402 link1403 link1404 link1405 link1406 link1407 link1408 link1409 link1410 link1411 link1412 link1413 link1414 link1415 link1416 link1417 link1418 link1419 link1420 link1421 link1422 link1423 link1424 link1425 link1426 link1427 link1428 link1429 link1430 link1431 link1432 link1433 link1434 link1435 link1436 link1437 link1438 link1439 link1440 link1441 link1442 link1443 link1444 link1445 link1446 link1447 link1448 link1449 link1450 link1451 link1452 link1453 link1454 link1455 link1456 link1457 link1458 link1459
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Efficacia dell'analogo della melanocortina nel trattamento dei pazienti con malattia di Hailey-Hailey.

melanocortinLa malattia di Hailey-Hailey (HHD) è una rara malattia cronica e recidivante, caratterizzata da un'eruzione vescicolare; dal punto di vista clinico, le erosioni si localizzano inizialmente nelle regioni intertriginose e sono caratterizzate istologicamente da un'acantolisi soprabasale. Lo stress ossidativo gioca un ruolo specifico nella patogenesi dell'HHD, regolando l'espressione di quei fattori importanti per la proliferazione e la differenziazione dei cheratinociti.

Obiettivo
Data l'importanza dello stress ossidativo nell'HHD, abbiamo studiato gli effetti delle proprietà antiossidanti di un analogo dell'α-MSH, l'Nle4-D-Phe7-α-MSH (afamelanotide), nei cheratinociti provenienti dalle lesioni dell'HHD.

Risultati
Il trattamento dei cheratinociti lesionali dell'HHD con afamelanotide ha contribuito alla sovra-regolazione di Nrf2 [fattore di trascrizione nucleare (eritroide 2 correlato) simile], un fattore di trascrizione redox sensibile che gioca un ruolo centrale nell'omeostasi redox durante lo stress ossidativo. Inoltre, il trattamento con afamelanotide ha ripristinato la normale capacità proliferativa dei cheratinociti provenienti dalle lesioni. I nostri risultati hanno mostrano come l'Nrf2 sia un obiettivo importante della via di segnalazione dell'afamelanotide, andando a ridurre direttamente lo stress ossidativo. Siccome l'afamelanotide possiede degli effetti antiossidanti, abbiamo anche valutato il potenziale clinico di questo analogo dell'α-MSH nel trattamento di pazienti con HHD. In uno studio pilota, in aperto di fase II, sono stati somministrati 16 mg di afamelanotide per via sottocutanea — con una formulazione a rilascio sostenuto e ad impianto riassorbibile — in due pazienti con HHD che avevano un certo numero di lesioni cutanee di lunga data. Per entrambi i pazienti, i punteggi del questionario Short Form-36 sono migliorati dopo 30 giorni dalla prima iniezione di afamelanotide, ed entrambi hanno visto la scomparsa completa delle lesioni da HHD dopo 60 giorni dalla prima iniezione, indipendentemente dalla posizione delle lesioni.

Conclusioni
L'afamelanotide è efficace per il trattamento delle lesioni cutanee nella HHD.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Efficacy of the melanocortin analogue Nle4-D-Phe7-α-melanocyte-stimulating hormone in the treatment of patients with Hailey–Hailey disease

Rivista: Clinical and Experimental Dermatology. doi: 10.1111/ced.12203

Autori: G. Biolcati, C. Aurizi, L. Barbieri, S. Cialfi, I. Screpanti, C. Talora

Affiliazioni:Porphyria Center, San Gallicano Institute IRCCS, Rome, Italy Department of Molecular Medicine, Sapienza University of Rome, Rome, Italy

Abstract:
Background Hailey–Hailey disease (HHD) is a rare, chronic and recurrent blistering disorder, which is characterized clinically by erosions occurring primarily in intertriginous regions, and histologically by suprabasal acantholysis. Oxidative stress plays a specific role in the pathogenesis of HHD, by regulating the expression of factors playing an important role in keratinocyte proliferation and differentiation. Aim Given the significance of oxidative stress in HHD, we investigated the potential effects of the antioxidant properties of an α-MSH analogue, Nle4-D-Phe7-α-MSH (afamelanotide), in HHD lesion-derived keratinocytes. Results Treatment of HHD-derived keratinocytes with afamelanotide contributed to upregulation of Nrf2 [nuclear factor (erythroid-derived 2)-like 2], a redox-sensitive transcription factor that plays a pivotal role in redox homeostasis during oxidative stress. Additionally, afamelanotide treatment restored the defective proliferative capability of lesion-derived keratinocytes. Our results show that Nrf2 is an important target of the afamelanotide signalling that reduces oxidative stress. Because afamelanotide possesses antioxidant effects, we also assessed the clinical potential of this α-MSH analogue in the treatment of patients with HHD. In a phase II open-label pilot study, afamelanotide 16 mg was administered subcutaneously as a sustained-release resorbable implant formulation to two patients with HHD, who had a number of long-standing skin lesions. For both patients, their scores on the Short Form-36 improved 30 days after the first injection of afamelanotide, and both had 100% clearance of HHD lesions 60 days after the first injection, independently of the lesion location. Conclusions Afamelanotide is effective for the treatment of skin lesions in HHD.