link1168 link1169 link1170 link1171 link1172 link1173 link1174 link1175 link1176 link1177 link1178 link1179 link1180 link1181 link1182 link1183 link1184 link1185 link1186 link1187 link1188 link1189 link1190 link1191 link1192 link1193 link1194 link1195 link1196 link1197 link1198 link1199 link1200 link1201 link1202 link1203 link1204 link1205 link1206 link1207 link1208 link1209 link1210 link1211 link1212 link1213 link1214 link1215 link1216 link1217 link1218 link1219 link1220 link1221 link1222 link1223 link1224 link1225 link1226 link1227 link1228 link1229 link1230 link1231 link1232 link1233 link1234 link1235 link1236 link1237 link1238 link1239 link1240 link1241 link1242 link1243 link1244 link1245 link1246 link1247 link1248 link1249 link1250 link1251 link1252 link1253 link1254 link1255 link1256 link1257 link1258 link1259 link1260 link1261 link1262 link1263 link1264 link1265 link1266 link1267 link1268 link1269 link1270 link1271 link1272 link1273 link1274 link1275 link1276 link1277 link1278 link1279 link1280 link1281 link1282 link1283 link1284 link1285 link1286 link1287 link1288 link1289 link1290 link1291 link1292 link1293 link1294 link1295 link1296 link1297 link1298 link1299 link1300 link1301 link1302 link1303 link1304 link1305 link1306 link1307 link1308 link1309 link1310 link1311 link1312 link1313
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Infezioni dermatofitiche che mimano altre patologie cutanee: intervista alla Dr.ssa Laura Atzori

dermatofiti

Le dermatofitosi possono avere caratteristiche cliniche assai polimorfe e, a seguito della pubblicazione dell'articolo "Dermatophyte infections mimicking other skin diseases: a 154-person case survey of tinea atypica in the district of Cagliari (Italy)", pubblicato su International Journal of Dermatology ad aprile di quest'anno, abbiamo chiesto alla Dr.ssa Laura Atzori, primo autore, una piccola intervista che ci delucidi i risultati emersi da questo interessantissimo lavoro.

 

 

 

 

INderma: Quale dato ritiene il più importante della pubblicazione, e perché? Lo scopo principale della pubblicazione era sensibilizzare i colleghi specialisti e della medicina generale sulla difficoltà diagnostica che talvolta le infezioni da miceti possono porre e sulla necessità di non abbassare la guardia, perché come tutte le infezioni la presentazione clinica si modifica e si adatta alle caratteristiche dell’ospite, allo stile di vita e alle caratteristiche ambientali, assumendo un decorso più insidioso rispetto al passato, che simula le più comuni malattie della pelle ed il cui trattamento con creme cortisoniche e/o antibiotiche non fa che amplificare la patomorfosi.

 

INderma: Pensa che i risultati del vostro lavoro siano applicabili anche sul resto del territorio nazionale? Certamente si, in occasione di incontri tra specialisti del settore è una osservazione comune che la diagnosi delle micosi sia spesso misconosciuta, ritardata e sottostimata.

 

INderma: Trova che le dermatofitosi ricoprano troppo poco spazio nel panorama di formazione e di aggiornamento del dermatologo in Italia? I centri che in Italia si occupano effettivamente di micologia sono pochi e per quanto si possa riservare uno spazio alle dermatofitosi nel periodo di formazione specialistica, per acquisire dimestichezza con l’esecuzione e la lettura dell’esame microscopico diretto per miceti è necessario tempo e vedere periodicamente nuovi casi, o si rischia di dimenticare rapidamente ciò che si è appreso. Per quanto si possano vedere immagini e fare corsi di formazione, l’interpretazione di ciò che si vede da soli, sul vetrino, senza il confronto con un esperto al proprio fianco, lascia spesso spazio al dubbio. L’ideale sarebbe favorire la formazione di specialisti che si dedicano con costanza a questo tipo di diagnostica, che siano di riferimento sul territorio.

 

tinea-incognitoA cosa imputare l’estrema diffusione dell’infezione in una giovane donna, senza condizioni di immunodeficienza, consecutivamente visitata da diversi specialisti dermatologi nell’arco di oltre 1 anno? Nell’orientamento generale di dermatiti da contatto, eczema e dermatite psoriasiforme, un collega ha anche consigliato terapia antimicotica, senza aver fatto un esame microscopico, ma per un tempo e con modalità insufficienti ad ottenere la guarigione. In clinica dermatologica è stata inviata per eseguire una biopsia cutanea.

INderma: Durante lo svolgimento di questa imponente revisione di casistica, ha visto centinaia di dermatofitosi in tempi brevi, ha qualche insegnamento clinico da comunicare? Mantenere una mente aperta, in modo da valutare sempre il pannello più ampio di possibilità diagnostiche di fronte al singolo caso clinico. Se non si è in grado di eseguire un esame micologico nel proprio ambulatorio informarsi sulle possibilità diagnostiche nel territorio e non trascurare questo tipo di ipotesi. La terapia può richiedere tempi lunghi, soprattutto quando sono stati coinvolti i follicoli piliferi. Senza la certezza della diagnosi possiamo correre il rischio di prescrivere l’antimicotico per periodi troppo brevi, insufficienti ad eradicare l’infezione oppure effettuarla per tempi troppo lunghi in presenza di infezioni non micotiche.

 

INderma: Ci può spiegare meglio perché consigliate di sostituire il termine “Tinea incognito” con quello di “Tinea atipica”? Il termine “tinea incognito” è molto ambiguo e fa riferimento all’incapacità del medico di fare una diagnosi, con l’aggravante di avere prescritto una terapia incongrua, in genere cortisonica. In linea generale invece il termine tinea atipica include tutte quelle forme di dermatofitosi che si collocano fuori dai normali aspetti morfologici sia per atipia primaria (dovuta alla patogenicità del micete in causa, alla reazione dell’ospite, alla sede anatomica di interessamento, agli insulti chimici, fisici e meccanici) che per atipia secondaria conseguente a trattamenti inadeguati (cortisonici, associazioni antibiotico-cortisoniche, antivirali, etc..) Nelle varianti cliniche atipiche la diagnosi è più difficile, ma è comunque un evento noto, che non deve risultare “incognito” per il medico. Di fronte al sospetto clinico verrà richiesto il corretto accertamento micologico. La localizzazione dell’infezione al viso per esempio è quasi sempre atipica, per la presenza di numerose strutture anatomiche e condizioni fisiologiche che modificano la capacità invasiva del micete. La presenza di ghiandole sebacee ostacola lo sviluppo del micete grazie alla presenza di antimicotici naturali, ma la detersione quotidiana, che asporta il film idrolipidico e rende la cute secca e fragile può essere causa di atipia primaria. La maggiore vascolarizzazione del viso rispetto ad altre sedi può determinare molto spesso un’accentuazione dei fenomeni infiammatori, nascondere la risoluzione centrale ed accentuare i fenomeni di essudazione, conferendo un aspetto eczematoso. Infine, la presenza di follicoli piliferi numerosi, ma sottili e fragili, superficiali facilita il parassitamento da parte dei miceti del pelo folletto. Poiché le insidie diagnostiche della patologia micotica sono numerose si dovrebbe ricorrere con maggior frequenza agli esami micologici, soprattutto in quelle forme eritemato-desquamative, datanti da molto tempo, nelle quali precedenti terapie topiche non abbiano sortito efficacia.

Bibliografia:

  • Romano C, Maritati E, Gianni C. Tinea incognito in Italy: a 15-year survey. Mycoses 2006; 49: 383–387.
  • Lange M, Jasiel-Walikowska E, Nowichi R, Bykowska B. Tinea incognito due to Tricophyton mentagrophytes. Mycoses 2009; 52: 1–3. Lesniak R. Tinea incognito. Dermatol Nurs 2008; 20:403–404.
  • Nenoff P, Mügge C, Hermann J, Keller U. Tinea faciei incognito due to Trichophyton rubrum as a result of autoinoculation from onychomycosis. Mycoses 2007; 50: 20–25.
  • Belhadjali H, Aoumallah A, Youssef M, et al. Tinea faciei: meconnue car son aspect clinique est tronpuir. Etude de 14 cas. Presse Med 2009; 38: 1230–1234.