link1606 link1607 link1608 link1609 link1610 link1611 link1612 link1613 link1614 link1615 link1616 link1617 link1618 link1619 link1620 link1621 link1622 link1623 link1624 link1625 link1626 link1627 link1628 link1629 link1630 link1631 link1632 link1633 link1634 link1635 link1636 link1637 link1638 link1639 link1640 link1641 link1642 link1643 link1644 link1645 link1646 link1647 link1648 link1649 link1650 link1651 link1652 link1653 link1654 link1655 link1656 link1657 link1658 link1659 link1660 link1661 link1662 link1663 link1664 link1665 link1666 link1667 link1668 link1669 link1670 link1671 link1672 link1673 link1674 link1675 link1676 link1677 link1678 link1679 link1680 link1681 link1682 link1683 link1684 link1685 link1686 link1687 link1688 link1689 link1690 link1691 link1692 link1693 link1694 link1695 link1696 link1697 link1698 link1699 link1700 link1701 link1702 link1703 link1704 link1705 link1706 link1707 link1708 link1709 link1710 link1711 link1712 link1713 link1714 link1715 link1716 link1717 link1718 link1719 link1720 link1721 link1722 link1723 link1724 link1725 link1726 link1727 link1728 link1729 link1730 link1731 link1732 link1733 link1734 link1735 link1736 link1737 link1738 link1739 link1740 link1741 link1742 link1743 link1744 link1745 link1746 link1747 link1748 link1749 link1750 link1751
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

La psoriasi è legata ad un maggior rischio di depressione

depression

Le persone affette da psoriasi sono a maggior rischio di depressione, questa l'interpretazione dei risultati di una ricerca recentemente presentata durante il simposio estivo annuale della American Academy of Dermatology tenutosi a New York.

Si stima che circa 7,5 milioni di persone negli Stati Uniti siano affette da psoriasi, una malattia che può insorgere ad ogni età ma che si sviluppa tipicamente fra i 15 e i 25 anni. Le cause esatte della psoriasi sono ancora ignote, ma i ricercatori credono che possa essere innescata dall'attacco da parte del sistema immunitario di cellule sane, in particolare di cellule cutanee. Il risultato è comunemente noto con il nome di psoriasi a placche.

La sintomatologia della psoriasi a placche comprende prurito, pelle screpolata e indolenzita, soprattutto nelle zone dei gomiti, delle ginocchia, del cuoio capelluto, della schiena, del volto, dei palmi delle mani e delle piante dei piedi. Il Dr. Roger S. Ho, assistente di Dermatologia presso la NYU School of Medicine di New York, riferisce di aver visto con i suoi occhi i pazienti affetti da psoriasi diventare depressi e per questo motivo, insieme ai suoi colleghi, ha deciso di analizzare in maniera più accurata questa associazione.

I ricercatori hanno analizzato i dati provenienti dal National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES), condotto su 12.382 adulti, alcuni dei quali affetti da psoriasi. Secondo i risultati del sondaggio, circa il 16,5% dei pazienti con psoriasi esibisce una sintomatologia compatibile con i criteri diagnostici per la depressione maggiore e il team ha calcolato che gli individui affetti da questa patologia hanno un rischio di depressione due volte superiore rispetto a quelli senza psoriasi. I ricercatori hanno inoltre sottolineato come i risultati da loro ottenuti abbiamo mostrato una correlazione anche dopo la correzione per età, razza, sesso, indice di massa corporea (BMI), attività fisica, uso di alcool e tabacco e storia clinica.

Gli autori dello studio hanno dichiarato di non essere in grado, al momento, di individuare esattamente il motivo per cui le persone con psoriasi sono a maggior rischio di depressione, ma il Dr. Ho ipotizza che questa associazione possa essere dovuta allo stigma associato a questa patologia cutanea. Egli spiega che, poiché la psoriasi è ben visibile sulla pelle di un paziente, le persone possono "reagire sfavorevolmente" nei confronti dell'individuo affetto.

Sulla base dei loro risultati, i ricercatori consigliano ai pazienti affetti da psoriasi di rivolgersi ad un medico non appena si accorgono di avere sintomi ricollegabili alla depressione. Il Dr. Ho ha aggiunto: "La psoriasi ha un impatto significativo sul benessere psico-fisico del paziente e può aumentare il rischio di depressione. Non posso che incoraggiare i pazienti a consultare un dermatologo per trovare un trattamento che permetta loro di migliorare la gestione della sintomatologia e di conseguenza la qualità della vita":

Il Dr. Ho ha inoltre sottolineato l'importanza per i pazienti affetti da psoriasi, così come per i familiari e il personale medico, dell'essere coscienti del legame esistente fra psoriasi e depressione, così che ai primi sintomi di depressione si possa subito correre ai ripari. Secondo il team del Dr. Ho, sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se ci siano fattori biologici o genetici che possono aumentare il rischio di depressione nei pazienti affetti da psoriasi.

 

Riferimenti:

American Academy of Dermatology, 'Research links psoriasis, depression', 20 agosto 2015.