link1460 link1461 link1462 link1463 link1464 link1465 link1466 link1467 link1468 link1469 link1470 link1471 link1472 link1473 link1474 link1475 link1476 link1477 link1478 link1479 link1480 link1481 link1482 link1483 link1484 link1485 link1486 link1487 link1488 link1489 link1490 link1491 link1492 link1493 link1494 link1495 link1496 link1497 link1498 link1499 link1500 link1501 link1502 link1503 link1504 link1505 link1506 link1507 link1508 link1509 link1510 link1511 link1512 link1513 link1514 link1515 link1516 link1517 link1518 link1519 link1520 link1521 link1522 link1523 link1524 link1525 link1526 link1527 link1528 link1529 link1530 link1531 link1532 link1533 link1534 link1535 link1536 link1537 link1538 link1539 link1540 link1541 link1542 link1543 link1544 link1545 link1546 link1547 link1548 link1549 link1550 link1551 link1552 link1553 link1554 link1555 link1556 link1557 link1558 link1559 link1560 link1561 link1562 link1563 link1564 link1565 link1566 link1567 link1568 link1569 link1570 link1571 link1572 link1573 link1574 link1575 link1576 link1577 link1578 link1579 link1580 link1581 link1582 link1583 link1584 link1585 link1586 link1587 link1588 link1589 link1590 link1591 link1592 link1593 link1594 link1595 link1596 link1597 link1598 link1599 link1600 link1601 link1602 link1603 link1604 link1605
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Aterosclerosi: la psoriasi è un fattore predittivo più influente del diabete

cardiovascular risk02

Secondo uno studio pubblicato il 24 agosto nell'edizione online di JAMA Dermatology, gli individui con psoriasi hanno tassi più alti di aterosclerosi subclinica, stando ai punteggi relativi ai depositi di calcio nelle arterie coronariche che sono molto simili a quelli relativi ai pazienti con diabete di tipo 2.

Stando ai dati presentati, infatti, la psoriasi moderata o grave si è rivelata un fattore predittivo per la calcificazione coronarica assai più influente del diabete di tipo 2, sebbene il profilo di rischio cardiovascolare fosse simile nei due gruppi (pazienti con psoriasi e pazienti con diabete di tipo 2). Situazioni di severa calcificazione delle coronarie sono state rilevate cinque volte più spesso in pazienti con psoriasi o diabete di tipo 2, rispetto ai gruppi di controllo.

"I risultati da noi ottenuti sono decisamente interessanti, soprattutto perché molti dei soggetti coinvolti nel nostro studio erano relativamente giovani, con una buona gestione della propria condizione psoriasica", scrivono il Dr. Bobbak Mansouri, del Baylor University Medical Center di Dallas, e colleghi.

"Tuttavia, la presenza di psoriasi da moderata a severa si è rivelata più influente del diabete di tipo 2 nella valutazione del grado di calcificazione coronaria, indipendentemente dall'effetto dei fattori di rischio cardiovascolare e cardiometabolico già noti.

L'attenuazione dell'associazione fra diabete di tipo 2 e calcificazione coronarica, una volta effettuate le correzioni per indice di massa corporea (BMI), non è stata osservata nella psoriasi, il che suggerisce che la calcificazione sia mediata, almeno in parte, dai depositi adiposi nel diabete di tipo 2".

I ricercatori hanno confrontato i punteggi relativi ai depositi di calcio nelle arterie coronarie di 387 individui: 129 pazienti con psoriasi (93,0% con psoriasi a placche) e senza diabete di tipo 2, 129 pazienti con diabete di tipo 2 e senza psoriasi o altre patologie a carattere infiammatorio e 129 controlli senza diabete di tipo 2, psoriasi o altra patologia a carattere infiammatorio, appaiati per età e sesso. Oltre il 90% dei membri di ciascun gruppo era costituito da uomini bianchi, l'età media in ciascun gruppo era di 51-52 anni. Nessuno dei partecipanti aveva una storia clinica di malattie coronariche.

L'incidenza dell'ipertensione è stata più alta nel gruppo diabete di tipo 2: 55,0% rispetto al 38,0% del gruppo psoriasi. Anche la circonferenza addominale media era più alta nel gruppo diabete di tipo 2 (108,0 cm) rispetto al gruppo psoriasi (99,75 cm). L'incidenza di dislipidemia, tuttavia, era più alta nei pazienti affetti da psoriasi (82,9%) rispetto al gruppo diabete di tipo 2 (62,8%). I livelli medi di trigliceridi erano di 100 mg/dL nel gruppo psoriasi e di 132 mg/dL nel gruppo diabete.

I punteggi relativi ai depositi di calcio nelle arterie coronariche erano più alti nei gruppi psoriasi e diabete rispetto ai soggetti del gruppo di controllo. Più alto era il numero di fattori tradizionali di rischio cardiovascolare rilevato nei pazienti con psoriasi, più alto è stato il loro punteggio relativo ai depositi di calcio nelle arterie coronariche e un simile pattern è stato rilevato anche nel gruppo di pazienti affetti da diabete di tipo 2.

Tuttavia, la correlazione fra i punteggi relativi ai depositi di calcio nelle arterie coronariche e altri fattori di rischio cardiovascolare e cardiometabolico era più forte fra i pazienti con psoriasi, rispetto a quelli con diabete di tipo 2. Questi dati si riferiscono ai fattori di rischio tradizionali: ipertensione, sindrome metabolica, circonferenza addominale, pressione arteriosa sistolica e diastolica, punteggio rispetto all'indice di Framingham Risk, livelli di colesterolo HDL e di glucosio nel sangue.

Per contro, nei pazienti con diabete di tipo 2 era più forte la correlazione fra punteggi relativi ai depositi di calcio nelle arterie coronariche e fattori quali: fumo, livelli di trigliceridi nel sangue, regolare attività fisica e bassi livelli di colesterolo LDL.

Dopo aver corretto per età, sesso, fattori di rischio cardiovascolare, fattori di rischio cardiometabolico e uso di farmaci, i ricercatori hanno scoperto che l'associazione fra depositi di calcio nelle arterie coronariche e psoriasi è stata simile a quella rilevata fra depositi di calcio nelle arterie coronariche e diabete di tipo 2. Inoltre, i pazienti con psoriasi avevano un rischio 2,35 volte più alto di avere depositi di calcio nelle arterie coronariche rispetto ad individui senza psoriasi o con diabete di tipo 2 (odds ratio 2,35; intervallo di confidenza 95% 1,12 — 4,94).

"Il diabete di tipo 2 e la psoriasi condividono simili profili di rischio cardiovascolare, che possono predisporre i pazienti allo sviluppo di aterosclerosi coronarica in età relativamente giovane," concludono gli autori.

 

Riferimenti:

JAMA Dermatology, edizione online del 24 agosto 2016; doi:10.1001/jamadermatol.2016.2907