link1022 link1023 link1024 link1025 link1026 link1027 link1028 link1029 link1030 link1031 link1032 link1033 link1034 link1035 link1036 link1037 link1038 link1039 link1040 link1041 link1042 link1043 link1044 link1045 link1046 link1047 link1048 link1049 link1050 link1051 link1052 link1053 link1054 link1055 link1056 link1057 link1058 link1059 link1060 link1061 link1062 link1063 link1064 link1065 link1066 link1067 link1068 link1069 link1070 link1071 link1072 link1073 link1074 link1075 link1076 link1077 link1078 link1079 link1080 link1081 link1082 link1083 link1084 link1085 link1086 link1087 link1088 link1089 link1090 link1091 link1092 link1093 link1094 link1095 link1096 link1097 link1098 link1099 link1100 link1101 link1102 link1103 link1104 link1105 link1106 link1107 link1108 link1109 link1110 link1111 link1112 link1113 link1114 link1115 link1116 link1117 link1118 link1119 link1120 link1121 link1122 link1123 link1124 link1125 link1126 link1127 link1128 link1129 link1130 link1131 link1132 link1133 link1134 link1135 link1136 link1137 link1138 link1139 link1140 link1141 link1142 link1143 link1144 link1145 link1146 link1147 link1148 link1149 link1150 link1151 link1152 link1153 link1154 link1155 link1156 link1157 link1158 link1159 link1160 link1161 link1162 link1163 link1164 link1165 link1166 link1167
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Morfea in una coorte II di adulti e bambini: i pazienti con morfea sperimentano un ritardo nella diagnosi e grande variazione nel trattamento

morfeaSi sa poco circa la diagnosi, la valutazione e la terapia della morfea (sclerodermia localizzata) negli Stati Uniti. I ritardi nella diagnosi e nell'inizio di una terapia appropriata, se presente, possono influire negativamente sulla cura del paziente. Inoltre, questa lacuna nella conoscenza ostacola la pianificazione di studi clinici e di linee guida terapeutiche. È stato progettato uno studio di coorte della morfea in adulti e bambini (MAC) per rispondere a questi interrogativi.

Obiettivo

Abbiamo cercato di determinare la durata tra l'esordio e la diagnosi di morfea, la specializzazione di chi forniva la diagnosi, la valutazione iniziale e la terapia nella coorte MAC.

Metodi

Questo è stato un sondaggio cross-sezionale della coorte MAC.

Risultati

In tutto, il 63% (n = 141 su 224) dei pazienti ha ricevuto la diagnosi più di 6 mesi dopo l'insorgenza. I dermatologi hanno diagnosticato e trattato la maggior parte dei pazienti (83.5%, n = 187). I reumatologi hanno diagnosticato e trattato le forme più gravi di morfea (lineare e generalizzata). La terapia più comunemente prescritta è stata quella dei corticosteroidi topici (63%). I dermatologi hanno prescritto prevalentemente trattamenti topici o fototerapia (P < .0001, P = .0018, rispettivamente), anche ai pazienti con morfea lineare e generalizzata. Al contrario, i reumatologi hanno prescritto prevalentemente immunosoppressivi sistemici e la terapia fisica (P < .0001, P = .0021, rispettivamente).

Limitazioni

Il bias di referral e il bias di richiamo possono influenzare i modelli di valutazione/terapia e l'accertamento della durata della malattia prima della diagnosi.

Conclusioni

I pazienti con morfea sperimentano un ritardo nella diagnosi, che probabilmente ha un effetto sul risultato. Il processo decisionale della terapia è in gran parte determinato dalla specializzazione di colui che fa la diagnosi, piuttosto che dalle caratteristiche della malattia stessa; non vengono utilizzati quei trattamenti con poca o nessuna efficacia provata, mentre in altri casi, vengono poco utilizzati i trattamenti con efficacia provata. Ciò sottolinea la necessità di un approccio collaborativo e multidisciplinare nella progettazione di studi e linee guida terapeutiche.


Storia della pubblicazione:

Titolo: Morphea in adults and children cohort II: Patients with morphea experience delay in diagnosis and large variation in treatment

Rivista: Journal of the American Academy of Dermatology. Volume 67, Issue 5 , Pages 881-889, November 2012

Autori: Weilan Johnson, Heidi Jacobe,

Affiliazioni: Department of Dermatology, University of Texas Southwestern Medical Center, Dallas, Texas

Abstract: 

Background

Little is known about the diagnosis, evaluation, and therapy of morphea (localized scleroderma) in the United States. Delays in diagnosis and initiation of appropriate therapy, if present, may negatively affect patient care. Further, this gap in knowledge hinders planning for clinical trials and therapeutic guidelines. The morphea in adults and children (MAC) cohort is designed to address this gap.

Objective

We sought to determine the duration between morphea onset and diagnosis, specialty of the diagnosing provider, and initial evaluation and therapy in the MAC cohort.

Methods

This was a cross-sectional survey of the inception cohort of the MAC study.

Results

In all, 63% (n = 141 of 224) of patients were given the diagnosis more than 6 months after onset. Dermatologists diagnosed and treated the majority of patients (83.5%, n = 187). Rheumatologists diagnosed and treated the more severe forms of morphea (linear and generalized). The most commonly prescribed therapy was topical corticosteroids (63%). Dermatologists predominantly prescribed topical treatments or phototherapy (P < .0001, P = .0018, respectively), even to patients with linear and generalized morphea. In contrast, rheumatologists predominantly prescribed systemic immunosuppressives and physical therapy (P < .0001, P = .0021, respectively).

Limitations

Referral bias and recall bias may affect patterns of evaluation/therapy and ascertainment of disease duration before diagnosis.

Conclusions

Patients with morphea experience delay in diagnosis, which likely impacts outcome. Therapeutic decision making is largely determined by the specialty of the provider rather than disease characteristics and many treatments with little or no proven efficacy are used, whereas others with proven efficacy are underused. This underscores the need for a collaborative, multispecialty approach in designing therapeutic trials and guidelines.

Si sa poco circa la diagnosi, la valutazione e la terapia della morfea (sclerodermia localizzata) negli Stati Uniti. I ritardi nella diagnosi e nell'inizio di una terapia appropriata, se presente, possono influire negativamente sulla cura del paziente. Inoltre, questa lacuna nella conoscenza ostacola la pianificazione di studi clinici e di linee guida terapeutiche. È stato progettato uno studio di coorte della morfea in adulti e bambini (MAC) per rispondere a questi interrogativi.

Obiettivo
Abbiamo cercato di determinare la durata tra l'esordio e la diagnosi di morfea, la specializzazione di chi forniva la diagnosi, la valutazione iniziale e la terapia nella coorte MAC.

Metodi
Questo è stato un sondaggio cross-sezionale della coorte MAC.

 

Risultati
In tutto, il 63% (n = 141 su 224) dei pazienti ha ricevuto la diagnosi più di 6 mesi dopo l'insorgenza. I dermatologi hanno diagnosticato e trattato la maggior parte dei pazienti (83.5%, n = 187). I reumatologi hanno diagnosticato e trattato le forme più gravi di morfea (lineare e generalizzata). La terapia più comunemente prescritta è stata quella dei corticosteroidi topici (63%). I dermatologi hanno prescritto prevalentemente trattamenti topici o fototerapia (
P < .0001, P = .0018, rispettivamente), anche ai pazienti con morfea lineare e generalizzata. Al contrario, i reumatologi hanno prescritto prevalentemente immunosoppressivi sistemici e la terapia fisica (P < .0001, P = .0021, rispettivamente).

Limitazioni
Il bias di
referral e il bias di richiamo possono influenzare i modelli di valutazione/terapia e l'accertamento della durata della malattia prima della diagnosi.

Conclusioni
I pazienti con morfea sperimentano un ritardo nella diagnosi, che probabilmente ha un effetto sul risultato. Il processo decisionale della terapia è in gran parte determinato dalla specializzazione di colui che fa la diagnosi, piuttosto che dalle caratteristiche della malattia stessa; non vengono utilizzati quei trattamenti con poca o nessuna efficacia provata, mentre in altri casi, vengono poco utilizzati i trattamenti con efficacia provata. Ciò sottolinea la necessità di un approccio collaborativo e multidisciplinare nella progettazione di studi e linee guida terapeutiche.