link876 link877 link878 link879 link880 link881 link882 link883 link884 link885 link886 link887 link888 link889 link890 link891 link892 link893 link894 link895 link896 link897 link898 link899 link900 link901 link902 link903 link904 link905 link906 link907 link908 link909 link910 link911 link912 link913 link914 link915 link916 link917 link918 link919 link920 link921 link922 link923 link924 link925 link926 link927 link928 link929 link930 link931 link932 link933 link934 link935 link936 link937 link938 link939 link940 link941 link942 link943 link944 link945 link946 link947 link948 link949 link950 link951 link952 link953 link954 link955 link956 link957 link958 link959 link960 link961 link962 link963 link964 link965 link966 link967 link968 link969 link970 link971 link972 link973 link974 link975 link976 link977 link978 link979 link980 link981 link982 link983 link984 link985 link986 link987 link988 link989 link990 link991 link992 link993 link994 link995 link996 link997 link998 link999 link1000 link1001 link1002 link1003 link1004 link1005 link1006 link1007 link1008 link1009 link1010 link1011 link1012 link1013 link1014 link1015 link1016 link1017 link1018 link1019 link1020 link1021
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Uno studio multicentrico, in doppio cieco, controllato con placebo della terapia a fibroblasti autologhi per il trattamento delle rughe della piega naso-labiale

nasolabial-fold-wrinklesI cambiamenti associati con l'invecchiamento sono in parte dovuti alla perdita di collagene ed elastina. Il trattamento con fibroblasti autologhi, fatti crescere in coltura (azficel-T), può contribuire a correggere la comparsa dei segni dell'invecchiamento sostituendo i costituenti dermici persi.

OBIETTIVO:

Dimostrare la sicurezza e l'efficacia dei fibroblasti autologhi nel trattamento delle rughe della piega naso-labiale (NLF).

MATERIALI E METODI:

Individui adulti con rughe di NLF, da moderate a molto gravi, sono stati randomizzati per ricevere tre trattamenti con fibroblasti autologhi o placebo, ad intervalli di 5 settimane. I valutatori in cieco e i soggetti hanno valutato l'efficacia utilizzando una valida Scala di Valutazione delle Rughe.

RISULTATI:

Trecentosettantadue soggetti sono stati inclusi e sottoposti al trattamento. Il 78% dei soggetti trattati con la terapia a fibroblasti autologhi e il 48% dei soggetti trattati con placebo ha raggiunto almeno 1 punto di miglioramento nella valutazione effettuata dal soggetto a 6 mesi (p < 0.001), e il 64% dei soggetti trattati con la terapia a fibroblasti autologhi e il 36% di quelli trattati con placebo hanno mostrato almeno 1 punto di miglioramento nella valutazione da parte del valutatore (p < 0.001). Gli effetti collaterali sono stati generalmente di lieve entità, e il trattamento è stato ben tollerato.

CONCLUSIONE:

La terapia con fibroblasti autologhi è sicura ed efficace per il trattamento delle rughe NLF. La disponibilità della terapia cellulare autologa segna l'inizio di una nuova fase nella terapia estetica.

Storia della pubblicazione:

Titolo: A multicenter, double-blind, placebo-controlled trial of autologous fibroblast therapy for the treatment of nasolabial fold wrinkles.

Rivista: Dermatol Surg. 2012 Jul;38(7 Pt 2):1234-43. doi: 10.1111/j.1524-4725.2012.02349.x

Autori: Smith SR, Munavalli G, Weiss R, Maslowski JM, Hennegan KP, Novak JM.

Affiliazioni: Dermatology, Laser and Vein Specialists of the Carolinas, Charlotte, North Carolina, USA.

Abstract:

BACKGROUND:

Changes associated with aging are partly due to loss of collagen and elastin. Treatment with autologous fibroblasts grown in culture (azficel-T) can help correct the appearance of aging by replacing lost dermal constituents.

OBJECTIVE:

To demonstrate the safety and effectiveness of autologous fibroblasts in the treatment of nasolabial fold (NLF) wrinkles.

METHODS AND MATERIALS:

Adults with moderate to very severe NLF wrinkles were randomized to receive three treatments with autologous fibroblasts or placebo at 5-week intervals. Blinded evaluators and subjects assessed efficacy using a validated wrinkle assessment scale.

RESULTS:

Three hundred seventy-two subjects were enrolled and underwent treatment. Seventy-eight percent of subjects treated with autologous fibroblast therapy and 48% of subjects treated with placebo achieved at least a 1-point improvement on the subject assessment at 6 months (p < 0.001), and 64% of subjects treated with autologous fibroblast therapy and 36% of those treated with placebo showed at least a 1-point improvement evaluator's assessment (p < 0.001). Adverse events were generally mild, and the treatment was well tolerated.

CONCLUSION:

Autologous fibroblast therapy is safe and effective for the treatment of NLF wrinkles. The availability of autologous cell therapy marks the beginning of a new phase in aesthetic therapy.