link730 link731 link732 link733 link734 link735 link736 link737 link738 link739 link740 link741 link742 link743 link744 link745 link746 link747 link748 link749 link750 link751 link752 link753 link754 link755 link756 link757 link758 link759 link760 link761 link762 link763 link764 link765 link766 link767 link768 link769 link770 link771 link772 link773 link774 link775 link776 link777 link778 link779 link780 link781 link782 link783 link784 link785 link786 link787 link788 link789 link790 link791 link792 link793 link794 link795 link796 link797 link798 link799 link800 link801 link802 link803 link804 link805 link806 link807 link808 link809 link810 link811 link812 link813 link814 link815 link816 link817 link818 link819 link820 link821 link822 link823 link824 link825 link826 link827 link828 link829 link830 link831 link832 link833 link834 link835 link836 link837 link838 link839 link840 link841 link842 link843 link844 link845 link846 link847 link848 link849 link850 link851 link852 link853 link854 link855 link856 link857 link858 link859 link860 link861 link862 link863 link864 link865 link866 link867 link868 link869 link870 link871 link872 link873 link874 link875
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Niacinamide 4% e desonide 0.05% topiche per il trattamento dell'iperpigmentazione ascellare: uno studio randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo

axillary-hyperpigmentationL'iperpigmentazione ascellare è una causa frequente di consultazioni cosmetiche per donne di pelle scura provenienti da zone tropicali, tra cui l'America Latina.

Attualmente, non esiste alcun trattamento ampiamente accettato per questo disturbo, ma di solito è trattato con agenti sbiancanti perché è considerato una variante dell'iperpigmentazione infiammatoria. Lo scopo di questo studio è stato quello di valutare l'efficacia delle emulsioni a base di niacinamide 4% e di desonide 0.05% rispetto al placebo, nel trattamento dell'iperpigmentazione ascellare.

Metodi: Ventiquattro donne di età tra 19 e 27 anni con ascelle iperpigmentate (fototipo III-V) sono state assegnate in modo casuale per ricevere i trattamenti in studio a livello della regione ascellare. Il miglioramento è stato valutato al basale, poi sia clinicamente che mediante colorimetria, dopo 9 settimane. La valutazione quantitativa (che ha compreso la melanina, gli infiltrati infiammatori, NKI/Beteb, CD1a, CD68, e il contenuto di collagene di tipo IV) è stata eseguita con metodo istochimico ed immunoistochimico, assistita dall'analisi morfometrica computerizzata.

Risultati: Sia la niacinamide che la desonide hanno indotto un miglioramento colorimetrico significativo rispetto al placebo; tuttavia, la desonide ha mostrato un migliore effetto depigmentante se confrontato con la niacinamide. È sta raggiunta una risposta da buona ad eccellente nel 24% dei casi con l'utilizzo di niacinamide, nel 30% per la desonide, e nel 6% per il placebo. Abbiamo osservato una distruzione marcata della membrana basale nell'iperpigmentazione ascellare ed un infiltrato infiammatorio che è migliorato dopo il trattamento. La riduzione della pigmentazione nelle ascelle trattate con desonide è stata associata con un recupero nella struttura della membrana basale.

Conclusione: La niacinamide e la desonide hanno mostrato proprietà depigmentanti nelle donne con iperpigmentazione ascellare. Questi risultati possono essere spiegati grazie alle loro proprietà antimelanogeniche e anti-infiammatorie, rispettivamente.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Topical niacinamide 4% and desonide 0.05% for treatment of axillary hyperpigmentation: a randomized, double-blind, placebo-controlled study

Rivista: Clinical, Cosmetic and Investigational Dermatology.

doi: http://dx.doi.org/10.2147/CCID.S39246

Autori: Juan Pablo Castanedo-Cazares, Gabryela Lárraga-Piñones, Adriana Ehnis-Pérez, Cornelia Fuentes-Ahumada, Cuauhtemoc Oros-Ovalle, Bruce R Smoller, Bertha Torres-Álvarez

Affiliazioni: Department of Dermatology, Department of Pathology, Hospital Central Dr Ignacio Morones Prieto, Universidad Autónoma de San Luis Potosí, México; Department of Pathology, University of Arkansas for Medical Sciences, Little Rock, AK, USA

Abstract: 

 Background: Axillary hyperpigmentation is a frequent cause of cosmetic consultations in dark-skinned women from tropical areas, including Latin America. Currently, there is no widely accepted treatment for the disorder, but it is usually treated with bleaching agents because it is considered a variant of inflammatory hyperpigmentation. The purpose of this study was to assess the efficacy of niacinamide 4% and desonide 0.05% emulsions compared with placebo in the treatment of axillary hyperpigmentation.

Methods: Twenty-four women aged 19–27 years with hyperpigmented axillae (phototype III–V) were randomly assigned to receive the study treatments in the axillary region. Improvement was assessed at baseline, then clinically and by colorimetry 9 weeks later. Quantitative evaluation including melanin, inflammatory infiltrates, NKI/Beteb, CD1a, CD68, and collagen type IV content was performed by histochemistry and immunohistochemistry, assisted by computerized morphometric analysis.

Results: Both niacinamide and desonide induced significant colorimetric improvement compared with placebo; however, desonide showed a better depigmenting effect than niacinamide. A good to excellent response was achieved in 24% of cases for niacinamide, 30% for desonide, and 6% for placebo. We observed a marked disruption of the basal membrane in axillary hyperpigmentation and an inflammatory infiltrate that improved after treatment. Decreased pigmentation in the desonide-treated axillae was associated with recovery of disruption at the basal membrane.

Conclusion: Niacinamide and desonide showed depigmenting properties in women with axillary hyperpigmentation. These findings may be explained by their antimelanogenic and anti-inflammatory properties, respectively.