link1606 link1607 link1608 link1609 link1610 link1611 link1612 link1613 link1614 link1615 link1616 link1617 link1618 link1619 link1620 link1621 link1622 link1623 link1624 link1625 link1626 link1627 link1628 link1629 link1630 link1631 link1632 link1633 link1634 link1635 link1636 link1637 link1638 link1639 link1640 link1641 link1642 link1643 link1644 link1645 link1646 link1647 link1648 link1649 link1650 link1651 link1652 link1653 link1654 link1655 link1656 link1657 link1658 link1659 link1660 link1661 link1662 link1663 link1664 link1665 link1666 link1667 link1668 link1669 link1670 link1671 link1672 link1673 link1674 link1675 link1676 link1677 link1678 link1679 link1680 link1681 link1682 link1683 link1684 link1685 link1686 link1687 link1688 link1689 link1690 link1691 link1692 link1693 link1694 link1695 link1696 link1697 link1698 link1699 link1700 link1701 link1702 link1703 link1704 link1705 link1706 link1707 link1708 link1709 link1710 link1711 link1712 link1713 link1714 link1715 link1716 link1717 link1718 link1719 link1720 link1721 link1722 link1723 link1724 link1725 link1726 link1727 link1728 link1729 link1730 link1731 link1732 link1733 link1734 link1735 link1736 link1737 link1738 link1739 link1740 link1741 link1742 link1743 link1744 link1745 link1746 link1747 link1748 link1749 link1750 link1751
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

News Dermatologia

Tossina botulinica di tipo A applicata alla nevralgia del trigemino intrattabile
Ultimamente sono stati riportati dati secondo cui la tossina botulinica di tipo A (BTX-A) potrebbe avere degli effetti analgesici indipendenti della sua azione sul tono muscolare, soprattutto agendo sui mediatori dell'infiammazione neurogena e controllando il rilascio del neurotrasmettitore dalle terminazioni nervose sensoriali e autonomiche che sono coinvolte in molte condizioni dolorose croniche come la nevralgia del trigemino (TN) intrattabile. Leggi tutto...
Vitiligine segmentale e generalizzata: entrambe le forme mostrano caratteristiche istopatologiche infiammatorie e un mosaicismo clinico
La vitiligine segmentale (VS) e quella generalizzata (VG) sono percepite come se evolvessero in maniera differente, la prima con meccanismi neurali non specificati e la seconda con meccanismi autoimmuni specifici dei melanociti. Tuttavia, questi due diversi meccanismi sono difficilmente applicabili nei casi di “vitiligine mista”. A questo proposito, per verificare la possibilità di una patogenesi comune, abbiamo riesaminato le caratteristiche cliniche e istopatologiche della VS e della VG. Leggi tutto...
Cambiamenti nei trend di incidenza del linfoma cutaneo a cellule T
Negli ultimi 25 anni, sia l'incidenza che la sopravvivenza del linfoma cutaneo a cellule T (CTCL) sono aumentate costantemente. Obiettivo: Abbiamo cercato di misurare i cambiamenti nei trend di incidenza e nei tassi di sopravvivenza del CTCL. Leggi tutto...
Ringiovanimento dopo iniezione di acido ialuronico nel solco naso-giugale
Studio clinico controllato, prospettico, randomizzato e di metà volto Il solco naso-giugale pronunciato (deformità del solco lacrimale) è uno dei segni dell'età e per attenuarlo si usano spesso dei filler di acido ialuronico, anche se possono instaurarsi delle reazioni avverse come una protuberanza irregolare o una sovra-correzione. Leggi tutto...
Inibitori della pompa protonica come possibile causa della vitiligine
Uno studio in vivo e in vitro La vitiligine è una malattia acquisita caratterizzata dalla depigmentazione dei melanociti. Recentemente, alcuni studi clinici hanno suggerito che gli inibitori della pompa protonica (PPI) potrebbero peggiorare la vitiligine, ma non sono stati ancora chiariti i loro effetti sui melanociti. Leggi tutto...
Non c'è associazione tra l'assunzione di vitamina D e la psoriasi incidente tra le donne statunitensi
Abbiamo studiato l'associazione tra la dieta, l'introito totale e supplementare di vitamina D e la psoriasi incidente nelle donne. Si è trattato di uno studio prospettico su 70,437 infermiere statunitensi di età compresa tra i 47 e i 74 anni, iscritte allo Studio di Salute delle Infermiere, che nel 1994 (al basale) non avevano la psoriasi e che nel 1994, 1998, 2002 e 2006 hanno completato dei questionari di frequenza alimentare semi-quantitativi. L'incidenza della psoriasi diagnosticata clinicamente è stata accertata e validata attraverso dei questionari auto-riportati. Durante i 973,057 follow-up annuali — tra il Giugno 1994 e il Giugno 2008 — sono stati documentati 502 casi di psoriasi indicente. Attraverso l'analisi di regressione multivariata di Cox aggiustata, è stata valutata l'associazione tra l'assunzione di vitamina D e la psoriasi incidente. Dopo aggiustamento in base all'età, al fumo, all'indice di massa corporea, all'introito di calorie, al flusso di UV, all'esercizio e all'uso di alcol, non è stata riscontrata alcuna associazione significativa tra l'assunzione di vitamina D (alimentare, complementare e totale) e il rischio di psoriasi incidente. Rispetto alle donne la cui assunzione di vitamina D con la dieta era < 100 IU/die, il rischio relativo multivariata per la psoriasi è stato di 1.13 (CI al 95% 0.66-1.92 ) per le quantità ≥400 IU/die (trend di P = 0.88). Per le donne che assumevano un supplemento di vitamina D ≥400 IU/die, il rischio relativo multivariata è stato di 1.18 (CI al 95% 0.88-1.58 ) rispetto alle donne che non assumevano supplementi di vitamina D. Nelle donne che assumevano totalmente la vitamina D in dosi di 300–399 IU/die, il rischio multivariata non è stato diverso tra le dosi più alte e quelle più basse di assunzione. Pertanto, il nostro studio non suggerisce il ruolo preventivo dell'apporto dietetico o dei supplementi di vitamina D per la psoriasi incidente. Storia della pubblicazione: Titolo: No association between vitamin D intake and incident psoriasis among US women Rivista: Archives of Dermatological Research Autori: Joseph F. Merola, Jiali Han, Tricia Li, Abrar A. Qureshi Affiliazioni: Abstract: We investigated the association between dietary, supplementary and total vitamin D intake and incident psoriasis in women. A prospective study was performed of 70,437 US female nurses aged 47–74 enrolled in the Nurses’ Health Study who did not have psoriasis at baseline in 1994 and who completed semi-quantitative food frequency questionnaires in 1994, 1998, 2002 and 2006. The incidence of clinician-diagnosed psoriasis was ascertained and validated by self-reported questionnaires. 502 confirmed incident psoriasis cases were documented during 973,057 person-years of follow-up from 1994 June to 2008 June. Association between vitamin D intake and incident psoriasis was assessed using multivariable-adjusted cox regression analysis. After adjusting for age, smoking, body mass index, calorie intake, UV flux, exercise and alcohol use, there was no significant association between vitamin D intake (dietary, supplementary and total vitamin D) and the risk of incident psoriasis. Compared with women whose dietary vitamin D intake was <100 iu="" day="" multivariate="" relative="" risks="" for="" psoriasis="" was="" 1="" 13="" 95="" ci="" 0="" 66="" 92="" 8805="" 400="" p="" trend="0.88)." the="" risk="" women="" who="" took="" supplementary="" vitamin="" d="" 18="" 88="" 58="" compared="" with="" did="" not="" take="" had="" total="" intake="" of="" 300="" 399="" no="" different="" than="" at="" higher="" and="" lower="" doses="" our="" study="" does="" support="" preventive="" roles="" dietary="" or="" supplemental="" incident="">

Sottocategorie