link1022 link1023 link1024 link1025 link1026 link1027 link1028 link1029 link1030 link1031 link1032 link1033 link1034 link1035 link1036 link1037 link1038 link1039 link1040 link1041 link1042 link1043 link1044 link1045 link1046 link1047 link1048 link1049 link1050 link1051 link1052 link1053 link1054 link1055 link1056 link1057 link1058 link1059 link1060 link1061 link1062 link1063 link1064 link1065 link1066 link1067 link1068 link1069 link1070 link1071 link1072 link1073 link1074 link1075 link1076 link1077 link1078 link1079 link1080 link1081 link1082 link1083 link1084 link1085 link1086 link1087 link1088 link1089 link1090 link1091 link1092 link1093 link1094 link1095 link1096 link1097 link1098 link1099 link1100 link1101 link1102 link1103 link1104 link1105 link1106 link1107 link1108 link1109 link1110 link1111 link1112 link1113 link1114 link1115 link1116 link1117 link1118 link1119 link1120 link1121 link1122 link1123 link1124 link1125 link1126 link1127 link1128 link1129 link1130 link1131 link1132 link1133 link1134 link1135 link1136 link1137 link1138 link1139 link1140 link1141 link1142 link1143 link1144 link1145 link1146 link1147 link1148 link1149 link1150 link1151 link1152 link1153 link1154 link1155 link1156 link1157 link1158 link1159 link1160 link1161 link1162 link1163 link1164 link1165 link1166 link1167
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

News Dermatologia

Effetti immediati e prolungati dell'esposizione del fattore naturale di idratazione dello strato corneo al lauril-solfato di sodio
Il fattore naturale idratante (NMF) serve come umettante primario dello strato corneo (SC) ed è costituito principalmente da amminoacidi e derivati igroscopici che assorbono l'umidità. È stato dimostrato che la distruzione della barriera cutanea influenza in modo diverso e specifico i vari componenti dell'NMF, anche se non sono state ancora esaminate le cinetiche di ripristino dell'NMF a seguito di perturbazione. Leggi tutto...
La medicazione con betametasone valerato non è inferiore all'unguento di calcipotriolo-betametasone dipropionato per il trattamento dei pazienti con psoriasi a placche cronica da lieve a moderata
Per il trattamento dei pazienti con psoriasi a placche cronica (CPP), la medicazione pronta all'uso con betametasone valerato allo 0.1% (BMV) si è dimostrata superiore alla medicazione con placebo e ad una crema di riferimento con BMV allo 0.1%. Leggi tutto...
Trattamento del melasma refrattario con una combinazione di magnesio ascorbil fosfato al 5% topico e luce pulsata fluorescente, nei pazienti asiatici
Il melasma è un disordine acquisito con ipermelanosi che influenza enormemente la sfera psicosociale dell'individuo. Siccome i trattamenti con le varie terapie convenzionali possono risultare insoddisfacenti, spesso sono utilizzate sorgenti laser e luminose: queste, però, possono creare problemi nella pelle Asiatica che ha un più alto contenuto di melanina. Leggi tutto...
Impatto del trattamento con inibitore del fattore di necrosi tumorale-alfa sullo spessore medio-intimale delle arterie nella psoriasi: risultati di uno studio pilota
La psoriasi è associata ad una più alta incidenza di comorbidità aterosclerotiche. In particolare, l'infiammazione della parete arteriosa, mediata dalle comuni citochine della psoriasi e dell'aterogenesi, precede lo sviluppo della placca aterosclerotica. Inoltre, l'aumento dello spessore medio-intimale (IMT) è ritenuto un valido indicatore dell'aterosclerosi subclinica ed è riscontrato anche nella psoriasi grave. Leggi tutto...
Il feromone plantaricina A aumenta le difese antiossidanti dei cheratinociti umani e modula l'espressione dei geni della filaggrina, dell'involucrina, della β-defensina 2 e del fattore di necrosi tumorale-α
La plantaricina A (PlnA) è un peptide con attività antimicrobica e feromonica. PlnA è stata sintetizzata chimicamente ed utilizzata come peptide puro o sintetizzata bilogicamente utilizzando il Lactobacillus plantarum DC400 co-coltivato con il Lactobacillus sanfranciscensis DPPMA174; per la preparazione grezza di PlnA, è stato usato il supernatante privo di cellule (CFS). Leggi tutto...
Ruolo della vitamina D nella melanogenesi con particolare riguardo alla vitiligine
La vitiligine è un comune disordine della pigmentazione causata dalla distruzione dei melanociti funzionali. La vitamina D è un ormone essenziale sintetizzato dalla pelle ed è responsabile della sua pigmentazione. Nei pazienti con vitiligine e in quelli che soffrono di altre malattie autoimmuni, sono stati trovati bassi livelli di vitamina D. Leggi tutto...

Sottocategorie