link1314 link1315 link1316 link1317 link1318 link1319 link1320 link1321 link1322 link1323 link1324 link1325 link1326 link1327 link1328 link1329 link1330 link1331 link1332 link1333 link1334 link1335 link1336 link1337 link1338 link1339 link1340 link1341 link1342 link1343 link1344 link1345 link1346 link1347 link1348 link1349 link1350 link1351 link1352 link1353 link1354 link1355 link1356 link1357 link1358 link1359 link1360 link1361 link1362 link1363 link1364 link1365 link1366 link1367 link1368 link1369 link1370 link1371 link1372 link1373 link1374 link1375 link1376 link1377 link1378 link1379 link1380 link1381 link1382 link1383 link1384 link1385 link1386 link1387 link1388 link1389 link1390 link1391 link1392 link1393 link1394 link1395 link1396 link1397 link1398 link1399 link1400 link1401 link1402 link1403 link1404 link1405 link1406 link1407 link1408 link1409 link1410 link1411 link1412 link1413 link1414 link1415 link1416 link1417 link1418 link1419 link1420 link1421 link1422 link1423 link1424 link1425 link1426 link1427 link1428 link1429 link1430 link1431 link1432 link1433 link1434 link1435 link1436 link1437 link1438 link1439 link1440 link1441 link1442 link1443 link1444 link1445 link1446 link1447 link1448 link1449 link1450 link1451 link1452 link1453 link1454 link1455 link1456 link1457 link1458 link1459
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

News Dermatologia

Terapia orale dell'onicomicosi
Una revisione basata sull'evidenza L'onicomicosi è una infezione fungina molto comune dell'apparato ungueale; tuttavia, è molto difficile da trattare anche quando viene identificato l'agente eziologico, tanto che di solito c'è bisogno di una terapia antifungina sistemica e prolungata nel tempo. Fino agli anni '90 del secolo scorso, le opzioni di trattamento per via orale includevano solo la griseofulvina e il ketoconazolo, ma il tasso di guarigione era comunque molto basso. Leggi tutto...
Melanoma associato ad inibitori del TNFα
Un progetto di ricerca sugli eventi avversi ai farmaci (RADAR). Gli inibitori del fattore di necrosi tumorale alfa (TNFαIs) sono utilizzati per il trattamento dei disturbi infiammatori, ma ci sono alcune prove che collegano questi agenti con la comparsa delle neoplasie. Per quattro TNFαIs su cinque, la Food and Drug Administration (FDA) ha dichiarato sull'etichetta che "è stato riscontrato il melanoma nei pazienti trattati con questi farmaci". Leggi tutto...
Cellule pagetoidi iporiflettenti
Un nuovo indizio per la diagnosi del melanoma amelanotico attraverso la microscopia confocale a riflettanza. Il melanoma amelanotico rappresenta una sfida diagnostica sia dal punto di vista clinico che dermoscopico. Finora solo pochi studi basati su serie di casi hanno esaminato la possibilità di utilizzare la miscroscopia confocale a riflettanza (RCM) per diagnosticare questo tipo di melanoma. Leggi tutto...
Nei fibroblasti cheloidi, la simvastatina inibisce l'espressione del collagene di tipo I, di CTGF e α-SMA indotta dal fattore di crescita trasformante-β1
La simvastatina, un inibitore della 3-idrossi-3- metilglutaril coenzima A reduttasi, viene spesso utilizzata per ridurre i livelli di colesterolo. Le prove accumulate mettono in luce gli effetti immunomodulatori e anti- infiammatori della simvastatina che sembrerebbero prevenire le malattie cardiovascolari. Sono stati riportati anche gli effetti benefici delle statine sulla fibrosi di vari organi; tuttavia, non è stato ancora studiato l'effetto funzionale delle statine sulla fibrosi cutanea dei cheloidi. Leggi tutto...
Effetto del tacrolimus confrontato con quello del betametasone valerato sulla barriera cutanea di soggetti con dermatite atopica quiescente
La dermatite atopica (AD) è una malattia infiammatoria della pelle che deriva da un difetto della barriera cutanea e da un'attivazione del sistema immunitario. Se usati per un breve periodo i corticosteroidi topici (TCS) rappresentano dei trattamenti sicuri ed efficaci per l'AD; al contrario, l'uso prolungato è associato al danno della barriera cutanea. Gli inibitori topici della calcineurina (TCI) rappresentano i trattamenti alternativi immuno-modulanti che non hanno effetti negativi sulla barriera cutanea. Leggi tutto...
Tossina botulinica di tipo A ricostituita nella lidocaina ed epinefrina per il ringiovanimento del viso: risultati di un sondaggio sulla soddisfazione dei partecipanti
Per valutare la fattibilità, la sicurezza e la non inferiorità della tossina botulinica di tipo A (BTX-A) ricostituita nell'1% di cloridrato di lidocaina con epinefrina 1:100,000, 181 partecipanti sono stati invitati a completare un sondaggio riguardo la loro soddisfazione dopo 3-6 mesi dal trattamento di ringiovanimento del viso con questa formula ricostituita. Abbiamo pensato che l'aggiunta di lidocaina potesse determinare un immediato effetto paralizzante dei muscoli iniettati, mentre l'aggiunta di epinefrina avrebbe potuto minimizzare la diffusione ai muscoli adiacenti. Leggi tutto...

Sottocategorie