link1606 link1607 link1608 link1609 link1610 link1611 link1612 link1613 link1614 link1615 link1616 link1617 link1618 link1619 link1620 link1621 link1622 link1623 link1624 link1625 link1626 link1627 link1628 link1629 link1630 link1631 link1632 link1633 link1634 link1635 link1636 link1637 link1638 link1639 link1640 link1641 link1642 link1643 link1644 link1645 link1646 link1647 link1648 link1649 link1650 link1651 link1652 link1653 link1654 link1655 link1656 link1657 link1658 link1659 link1660 link1661 link1662 link1663 link1664 link1665 link1666 link1667 link1668 link1669 link1670 link1671 link1672 link1673 link1674 link1675 link1676 link1677 link1678 link1679 link1680 link1681 link1682 link1683 link1684 link1685 link1686 link1687 link1688 link1689 link1690 link1691 link1692 link1693 link1694 link1695 link1696 link1697 link1698 link1699 link1700 link1701 link1702 link1703 link1704 link1705 link1706 link1707 link1708 link1709 link1710 link1711 link1712 link1713 link1714 link1715 link1716 link1717 link1718 link1719 link1720 link1721 link1722 link1723 link1724 link1725 link1726 link1727 link1728 link1729 link1730 link1731 link1732 link1733 link1734 link1735 link1736 link1737 link1738 link1739 link1740 link1741 link1742 link1743 link1744 link1745 link1746 link1747 link1748 link1749 link1750 link1751
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

News Dermatologia

Ottimizzazione del metodo di coltura dei precursori melanocitici da follicoli piliferi e loro attivazione con 1,25-diidrossivitamina D3
I melanociti nelle zone di ripigmentazione della vitiligine derivano principalmente dai precursori melanocitari (MPs) presenti nella guaina esterna della radice (ORS) dei follicoli piliferi. I metodi utilizzati per ottenere gli MPs sono ancora instabili e le cellule in coltura possono produrre melanina: questi fattori diventano problematici soprattutto durante lo svolgimento di studi in vitro sul meccanismo di ripigmentazione. Leggi tutto...
Trattamento di una malformazione vascolare congenita extratronculare con propranololo somministrato per via orale
Il β-bloccante propranololo è diventato un farmaco prezioso ed efficace per il trattamento degli emangiomi infantili. Probabilmente la sua azione terapeutica dipende dalla vasocostrizione, dal blocco dell'angiogenesi attraverso gli effetti sul fattore di crescita vascolare endoteliale e dall'induzione dell'apoptosi. Leggi tutto...
L'assunzione orale di peptidi bioattivi del collagene riduce le rughe della pelle e aumenta la sintesi di matrice dermica
È stato scoperto che l'assunzione di integratori alimentari modula le funzioni della pelle e pertanto può essere utile nel trattamento dell'invecchiamento cutaneo. Tuttavia, ci sono solo pochi studi clinici a sostegno di questa affermazione. Nel nostro studio in doppio cieco e controllato con placebo, è stata valutata l'efficacia di uno specifico peptide bioattivo del collagene (BCP) Leggi tutto...
Granuloma pulsante del labbro
Indizi morfologici per la diagnosi differenziale. Il granuloma pulsante non è una condizione comune nella patologia cutanea. Innanzitutto, per la diagnosi di questa condizione è essenziale determinare se i corpi estranei frammentati sono realmente delle componenti vegetali: infatti, alcune strutture vegetali (come gli anelli ialini) sono state trattate frequentemente in letteratura. Tuttavia, molte componenti vegetali possono avere delle somiglianze morfologiche con le strutture animali, specialmente se vengono osservate in una biopsia frammentata: questo è il caso del pericarpo (che può assomigliare alla cuticola di un verme) o dell'endosperma (che può imitare le cellule adipose della larva). In questo articolo presentiamo il caso di un granuloma pulsante che ha coinvolto il labbro, una localizzazione insolita per questa condizione. Abbiamo descritto anche l'aspetto istopatologico di vermi e pupe ottenuti sperimentalmente, nonché di numerosi semi vegetali. Infine, abbiamo confrontato alcune strutture vegetali e animali ponendo particolare attenzione alla diagnosi differenziale. Storia della pubblicazione: Titolo: Pulse granuloma of the lip: morphologic clues in its differential diagnosis Rivista: Journal of Cutaneous Pathology. doi: 10.1111/cup.12287 Autori: Angel Fernandez- Flores, Marcela Saeb-Lima Affiliazioni:Department of Cellular Pathology, Hospital El Bierzo, Ponferrada, Spain Department of Pathology, Instituto Nacional de Ciencias Médicas y Nutrición Salvador Zubirán, INER/CIENI, Hospital Angeles Lomas, Centro Medico ABC, Mexico City, México Abstract: Pulse granuloma is not a common condition in cutaneous pathology. In diagnosing this condition, it is essential to determine if the foreign fragmented bodies are really vegetable parts. Certain vegetable structures, such as hyaline rings, have been clearly emphasized in the literature. However, other vegetable parts can show certain morphologic similarities with animal structures, especially if observed in a fragmented biopsy, as is the case with the pericarp (which can mimic the cuticle of a maggot) or the endosperm (which can mimic the fat cells of the larva). Herein, we present a case of pulse granuloma involving the lip, an uncommon location for this condition. We also describe the histopathologic appearance of experimentally obtained maggots and pupae, as well as that of several vegetable seeds. We compare some of the vegetable and animal structures and emphasize the differential diagnosis between them.
Microscopia confocale a riflettanza per le macule pigmentate della mucosa: una revisione di 56 casi comprendente 10 melanomi maculari
Sebbene la maggior parte delle macule pigmentate della mucosa siano benigne, è difficile escludere la diagnosi di melanoma precoce; in questo può aiutare la microscopia confocale a riflettanza (RCM) che è una tecnica di imaging non invasiva utile per discriminare tra le lesioni cutanee benigne e quelle maligne. Leggi tutto...
Indice di melanina come valutazione dell'efficacia del laser Nd-Yag Q Switched da 1064 nm per il trattamento del nevo di Ota
Il laser Q- switched granato di ittrio e alluminio dopato al neodimio (Q Switched Nd-Yag) è stato usato nel trattamento del nevo di Ota in tutti i tipi di pelle ottenendo un tasso di successo variabile; ma mancano ancora dati affidabili sulla base di un parametro di valutazione oggettivo. Leggi tutto...

Sottocategorie