link146 link147 link148 link149 link150 link151 link152 link153 link154 link155 link156 link157 link158 link159 link160 link161 link162 link163 link164 link165 link166 link167 link168 link169 link170 link171 link172 link173 link174 link175 link176 link177 link178 link179 link180 link181 link182 link183 link184 link185 link186 link187 link188 link189 link190 link191 link192 link193 link194 link195 link196 link197 link198 link199 link200 link201 link202 link203 link204 link205 link206 link207 link208 link209 link210 link211 link212 link213 link214 link215 link216 link217 link218 link219 link220 link221 link222 link223 link224 link225 link226 link227 link228 link229 link230 link231 link232 link233 link234 link235 link236 link237 link238 link239 link240 link241 link242 link243 link244 link245 link246 link247 link248 link249 link250 link251 link252 link253 link254 link255 link256 link257 link258 link259 link260 link261 link262 link263 link264 link265 link266 link267 link268 link269 link270 link271 link272 link273 link274 link275 link276 link277 link278 link279 link280 link281 link282 link283 link284 link285 link286 link287 link288 link289 link290 link291
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

News Dermatologia

Confronto tra la dermoabrasione superficiale e la tretinoina topica per il trattamento delle striae distensae in fase iniziale
Uno studio pilota randomizzato Le striae distensae (SD) sono una condizione comune della pelle, con una prevalenza che varia dal 40% al 90% a seconda della popolazione studiata. Leggi tutto...
La gravità dei reperti cutanei anticipa la presenza di sintomi sistemici nella mastocitosi cutanea maculopapulare pediatrica
Per quanto la prognosi della mastocitosi cutanea maculopapulare (MPCM) — nota anche con il nome di orticaria pigmentosa — sia spesso positiva, i medici non hanno prove sufficienti per identificare in modo affidabile i soggetti a rischio di sviluppare manifestazioni sistemiche. In questo studio abbiamo cercato di chiarire i marker clinici di gravità della malattia in modo da fornire informazioni prognostiche e un trattamento migliore ai soggetti con MPCM. Leggi tutto...
Un reperto cutaneo scambiato per abuso fisico
Le diagnosi errate durante le valutazioni per abusi su minori sono gravi. Poiché le lesioni cutanee sono comuni negli abusi, è importante rammentare che alcune potrebbero imitare anche un abuso fisico. Il presente studio prospettico ha identificato i reperti cutanei simili agli abusi in una coorte di bambini valutati per possibile abuso fisico. Leggi tutto...
Risposta al talidomide da parte della malattia di Hailey-Hailey
Il pemfigo benigno familiare cronico o malattia di Hailey-Hailey (HHD) è una rara malattia autosomica dominante caratterizzata dallo sviluppo di vesciche ed erosioni ricorrenti nelle aree intertriginose. Le opzioni di trattamento, siano esse topiche o sistemiche, includono i corticosteroidi topici, il 5-fluorouracile topico, gli analoghi topici della vitamina D, l'ossido di zinco topico, il dapsone, gli psoraleni combinati con raggi ultravioletti A, i retinoidi sistemici, la ciclosporina, il metotressato e la terapia fotodinamica. Leggi tutto...
Catepsina S, un nuovo biomarcatore del prurito nella valutazione clinica della forfora/dermatite seborroica
La forfora/dermatite seborroica (D/SD) è caratterizzata dalla colonizzazione da parte di Malassezia e da un'alterata funzione di barriera con conseguente infiammazione, che è responsabile della forfora e del prurito. L'istamina è uno dei biomarcatori del prurito che vengono usati più frequentemente per monitorare l'efficacia del trattamento; tuttavia non si conosce ancora l'esatto meccanismo che porta alla liberazione dell'istamina e quindi al prurito Leggi tutto...
Fattori, indici e stadiazioni prognostiche nella micosi fungoide e nella sindrome di Sezary
La micosi fungoide è la forma più diffusa del linfoma cutaneo primario a cellule T. Spesso la malattia in stadio precoce ha una prognosi favorevole ed una sopravvivenza di 10-35 anni, anche se oltre il 25% dei casi può progredire allo stadio avanzato della malattia che ha una sopravvivenza media inferiore a 4 anni e di soli 13 mesi nei soggetti con coinvolgimento linfonodale. Leggi tutto...

Sottocategorie