link438 link439 link440 link441 link442 link443 link444 link445 link446 link447 link448 link449 link450 link451 link452 link453 link454 link455 link456 link457 link458 link459 link460 link461 link462 link463 link464 link465 link466 link467 link468 link469 link470 link471 link472 link473 link474 link475 link476 link477 link478 link479 link480 link481 link482 link483 link484 link485 link486 link487 link488 link489 link490 link491 link492 link493 link494 link495 link496 link497 link498 link499 link500 link501 link502 link503 link504 link505 link506 link507 link508 link509 link510 link511 link512 link513 link514 link515 link516 link517 link518 link519 link520 link521 link522 link523 link524 link525 link526 link527 link528 link529 link530 link531 link532 link533 link534 link535 link536 link537 link538 link539 link540 link541 link542 link543 link544 link545 link546 link547 link548 link549 link550 link551 link552 link553 link554 link555 link556 link557 link558 link559 link560 link561 link562 link563 link564 link565 link566 link567 link568 link569 link570 link571 link572 link573 link574 link575 link576 link577 link578 link579 link580 link581 link582 link583
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

News Dermatologia

Melanoma cutaneo nei pazienti trattati con inibitori del fattore di necrosi tumorale: un'analisi retrospettiva di 15 pazienti
Diversi case report suggeriscono che gli inibitori del fattore di necrosi tumorale-α (TNF) potrebbero aumentare l'incidenza del melanoma e/o alterarne il corso naturale verso un comportamento più aggressivo. Leggi tutto...
L'omalizumab rappresenta una terapia efficace e a rapida azione per l'orticaria cronica difficile da trattare: un'analisi clinica retrospettiva
Nel contesto degli studi clinici controllati con placebo, la terapia con omalizumab (anti-IgE) risulta efficace e sicura per l'orticaria cronica (CU), ma i dati clinici della vita reale rimangono scarsi. Leggi tutto...
Omocisteina ed altri fattori di rischio cardiovascolare nei pazienti con lichen planus
Da alcuni anni sappiamo che l'infiammazione cronica gioca un ruolo importante nello sviluppo dei fattori di rischio cardiovascolare; in particolare, l'omocisteina (Hcy) e il fibrinogeno sono stati identificati come principali fattori di rischio indipendenti per la malattia cardiovascolare. Alcune ipotesi sostengono che il lichen planus possa essere strettamente correlato con la dislipidemia Leggi tutto...
Microscopia confocale per i quadri normali e patologici delle unghie
Le malattie delle unghie sono fastidiose per i pazienti e di difficile diagnosi per i dermatologi. Sempre più spesso vengono impiegate le nuove tecniche di imaging -invece delle biopsie- per diagnosticare i disordini ungueali: in questo contesto, la microscopia confocale rappresenta una tecnica di imaging ad alta risoluzione che può essere utilizzata Leggi tutto...
Microclima vicino alla pelle: influenza sull'assorbimento percutaneo di caffeina (studio ex-vivo)
Il contatto tra la superficie cutanea e l'ambiente esterno induce la creazione di un microclima sulla superficie della pelle che influenza l'interazione della stessa con le sostanze xenobiotiche. In questo lavoro, presentiamo un nuovo dispositivo che consente di indagare l'influenza dei parametri ambientali sull'assorbimento percutaneo. Leggi tutto...
Succo di scarafaggio: una guida per l'utilizzo della cantaridina nel trattamento del mollusco contagioso
Il mollusco contagioso (MC) è un'infezione virale cutanea sempre più comune che colpisce principalmente la popolazione pediatrica. Le lesioni dell'MC sono benigne e, nella maggior parte dei casi, si risolvono entro 6-9 mesi. Leggi tutto...

Sottocategorie